KPI

Premessa

Quando si presenta un progetto intranet, uno degli aspetti che viene affrontato fin da subito è legato ai KPI.
Infatti la misurazione di un progetto di successo in questo caso è davvero fattibile in base a parametri differenti.
Di seguito uno schema che utilizzo per introdurre l’argomento

KPI Quantitativi

grafico_KPI_Qualitativi

Intranet: KPI Quantitativi

I KPI quantitativi sono quelli che esprimono un valore in termini di quantità numerica e sono i più immeditati da fruire.

Ne esistono di diretti e tra i più comuni possiamo annoverare:

  • Numero di accessi
  • Numero di sessioni
  • Pagine più viste
  • Tempo di permanenza medio su una pagina
  • Tempo medio di attività dell’utente sul portale

Oltre a questi possiamo avere dati che ci fanno capire il comportamento degli utenti ovvero da quale apparato accedono (Desktop o mobile), con che browser, in quale momento della giornata, da quale area geografica etc.

Questi parametri ci permettono di capire fin da subito se il prodotto è fruito: chiaramente sono numeriche che non parlano da sole ma che vanno interpretate.

Il numero degli accessi, ad esempio, deve tenere conto del fatto che la intranet potrebbe essere stata impostata di default come prima pagina, in tal caso il dato viene forzato e per comprendere se gli utenti usano lo strumento, bisogna fare verifiche più approfondite, incrociando altri parametri.

Oltre agli accessi, abbiamo anche dati di produzione e che cosa significa? Semplicemente che se nella intranet gli utenti hanno possibilità di interazione o di redazione, possiamo monitorare il volume dei contenuti prodotti. Non si parla ovviamente di quelli legati agli utenti redazionali, ma di quelli che provengono dagli utenti come commenti alle news o post interni, così’ come, se sono previste attività di engagement, si può misurare numericamente la partecipazione attiva dei dipendenti.

Tra i parametri quantitativi indiretti invece non possiamo dimenticarci delle “eventuali richieste di assistenza” ovvero quante richieste di supporto sono state ricevute per potere usufruire al meglio dello strumento, magari richieste finalizzate a capire dove trovare un determinato elemento, oppure se un utente ha dimenticato la password per accedere.

Sono tutti elementi legati alla fruizione di un servizio quantificabili ed interpretabili.

Gli strumenti che abbiamo a disposizione per poter tracciare i dati sono quelli classici che si utilizzano nelle attività di web marketing, dal classico Google Analytics al più recente Clarity strumento molto performante che consente in maniera immediata di vedere la navigazione dell’utente

FeatureHeatmap

Intranet: KPI Qualitativi

Sappiamo che quantità non si sposa sempre con qualità purtroppo, e possiamo in questo caso avere una visione più completa grazie a parametri differenti.
I KPI qualitativi sono quelli che si possono evincere parlando direttamente con gli utenti che utilizzano il servizio.

Si possono realizzare indagini legate al sentiment, sondaggi di gradimento, analizzare l’eventuale utilizzo delle chiavi di ricerca che permettono di capire come viene interpretato lo strumento.

L’analisi qualitativa è molto importante per comprendere come potrebbe essere valorizzato il Digital Workplace, cosa pensano gli utenti del servizio offerto e soprattutto cosa vorrebbero trovare e quindi quali nuove funzionalità eventualmente implementare.

Ricordiamo sempre di assicurarci di avere a disposizione degli strumenti di monitoraggio dei dati e soprattutto di sfruttarli adeguatamente: spesso accade che nonostante i numeri siano a disposizione, nessuno ci metta la testa per analizzarli ed interpretarli ed invece costituiscono un patrimonio inestimabile per condurre un progetto interno e per garantirne il successo!

 

 

Scopri il nuovo modello di lavoro basato sull’adozione di tecnologie moderne. Grazie ai servizi online di Office 365 i team possono condividere e modificare documenti, pianificare riunioni e collaborare in tempo reale.

 

Modern Workplace Consultant

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *